La Voce di Fiume :: 31 gennaio 2009

007.JPG
img025.jpg

Articolo di Giovanni Nini Benussi tratto dal mensile LA VOCE DI FIUME, notiziario del LIBERO COMUNE DI FIUME IN ESILO edito a Trieste, pag.11.

Cliccate sull’immagine per leggere l’articolo

La Voce di Fiume :: 31 gennaio 2009ultima modifica: 2009-03-05T21:50:00+00:00da fiumana1
Reposta per primo quest’articolo

8 pensieri su “La Voce di Fiume :: 31 gennaio 2009

  1. Cari amici della Voce di Fiume:
    Tutti i mesi ricevo il mensile, e con tanto piacere lo lego da principio a fine….
    …mio papá é nato a Fiume, mia mamma a Genova, io a Livorno, e dall 1948, che siamo arrivati a Comodoro Rivadavia, Argentina.
    Mio padre Pietro Kamenar, ed un suo caro amico, Mario Ottulich, nato a Lussinpiccolo, erano gli unici originari di quelle amatissime terre, in questa cittá della Patagonia.
    Ora che i miei cari sono partiti, giorno per giorno, sento per loro e per mé, un ricordare permanente…..
    legendo il giornale…vedo il nome di Anita Lupo Smelli….sarei molto gradita con voi, se io potrei avere il suo indirizzo, cosí gli scrivo….é un nome per me famigliare, i miei genitori la ricordavano…per favore, vi ringrazio
    vi saluto gentilmente
    Maria Gabriella Kamenar in Suárez

  2. sono soltesz claudio nato a fiume il 23’01’1934,sono pensionato statale,avendo prestato servizio per quasi 30 anni nel corpo forestale dello stato,abito a grezzana prov.di verona,ricevo regolarmente da anni il giornale la voce di fiume che mi ricorda la mia città nativa.mi lamento che la pubblica amministrazione attuale ancora non riconosce la mia appartenza nativa.il mio codice fiscale in mio possesso è multiplo cioe.ministero delle finanze,SLTCLD34A23Z118I,tessera sanitaria,SLTCLD34A34D620K,per contratto vodafone,SLTCLD34A23Z149N.per una denuncia di furto della mia patente di guida,nono nato a fiume freddo pordenone.per una visita ospedaliera a verona sono appolide……..scusate il disturbo distinti saluti soltesz claudio…..

  3. Sono già quatro anni che mio papà pietro Kamenar è mancato, e dopo la sua partenza sono arrivati dei soldi inviati dall governo italiano atraverso il consolato di Italia in Argentina, come riparo per danni di guerra……per i loro beni lasciati a Fiume….
    Malgrado questo ritardo, io non hò nessun interesse di farmi di questi soldi, tropi anni hanno aspettato i miei genitori……
    Vedrò il modo di poter fare un donativo per la Voce di Fiume, in memoria dei miei cari…..
    Veddiamo un pò se questa prattica sarà possibile……
    Mi piacerebbe avere una vostra risposta…il mio mail: gabrielakamenar@hotmail.com

  4. Buon giorno, sono figlia di Fiumani ora purtroppo deceduti, venuti in Italia dopo la 2a guerra tra l’ottobre del ’46 e gennaio ’47.
    Vorrei che mi aiutaste nel cercare la copia del vs. giornale dove si parla di un tragico evento avvenuto nell’inverno 1943/1944:ci fu un attentato ad un treno che veniva da Trieste a Fiume dove persero la vita molte persone di cui nove di Fiume e tra queste mia nonna materna Covacevich Amelia in Serdoz di anni 41 mamma di 9 figli; a quanto mi raccontava mia mamma (Serdoz Enea) ci furono funerali solenni e pare che i fratellini più piccoli ai quali non permisero di vedere i resti straziati della madre, si misero vicino al feretro giusto per l’ultimo saluto e il Vs. giornale ne parlò.
    Ringrazio anticipaltamente e cordialmente saluto.

  5. scrivo questa storia nel giorno della shoah,mi chiamo soltesz claudio,nato a fiume nelo 1934,parlo degli anni della guerra,mio zio conosciuto per ilmostacion,aveva un osteria alla destra del ristorante e albergo attuale bonavia,sulle prime scale della salita,questa osteria ben nota a quel tempo era frequentata dal personale della vicina questura e prefettura,tra i clienti come avevo sentito parlare da mio padre,aveva conosciuto anche giovanni palatucci.mio padre era noto per essere stato barbiere in via petrarca sempre a fiume,fu catturato con l.8 settembre e deportato a dachau dove ha ritrovato il povero palatucci e anche di averlo aiutato con un pò di cibo.alla fine della guerra mio padre è stato più fortunato di rittornare a casa sano e salvo,mi riccordo che raccontava le sue storie della prigionia,niminando anche palatucci.poi con l.esodo abbiamo lasciato fiume.vorrei che fosse pubblicata questa storia nel giornale che viene distribuito per posta.per qualche modifica,sicome non sono scrittore,autorizzo la redazione a qualche modifica,saluto cordialmente tutti.soltesz claudio.

  6. Mia mamma é fiumana, si chiama, Anita Kucich, e voglio far la doppia citadania, ma non ho la partita di nascita. Mio fratello , e iniziato il trámite e le hanno risposto che non essite nel ReGISTRO delle persone la partita di nascita con quel nome. Le ringrazio se puó dirmi come posso far questo tramite-
    LAURA MENDES-

  7. Sono la figlia di un fiumano,Ignazio Stella, campione d’Italia dei pesi mosca nel 1937 . Il giornale di Fiume gli aveva dedicato un bellissimo articolo nel 1977, anno della sua morte (27 marzo) . Potreste ricordarlo ? Vi ringrazio!

Lascia un commento